Rete 02 – capofila IP Garbin di Schio (VI)

Partners: IP Garbin (Schio – VI) – capofila; IP Giorgi (Verona); IS Luzzatti (Mestre -VE); IP Giorgi-Fermi (Treviso); IP Lampertico (Vicenza); IS Luzzatti (Valdagno – VI); IS Marchesini (Rovigo)

Obiettivi:

Gli obiettivi espressi nelle indicazioni progettuali sono al punto:
c) Indicare le modalità di verifica, validazione e valutazione del livello raggiunto relativamente ai risultati di apprendimento, specificando se attuate congiuntamente all’azienda ospitante

La sfida che si pone la Rete è duplice: non soltanto pervenire ad un modello di valutazione trasparente, comprensibile e condivisibile delle attività svolte in ASL rivolto al territorio, al mondo produttivo e quindi che evidenzi competenze di carattere tecnico professionale, ma anche ad un modello di valutazione scolastica che sia consapevole e tenga conto dell’equivalenza formativa delle attività svolte in ASL.
La prima sfida, l’obiettivo da raggiungere, sarà una discussione in seno al CTS e, quindi, all’interno delle rispettive associazioni di categoria, e con i singoli imprenditori, per arrivare ad un modello (non ad un burocratico formulario) che espliciti le competenze richieste e da formare in sinergia con le aziende in ASL, a livelli realisticamente definiti e certificabili e che porti ad una certificazione descrittiva di compiti e competenze implementati nell’attività in azienda, con un corredo di documentazione valutativa, sempre e tutto a cura dei Consigli di Classe e con la necessaria collaborazione, sia in fase valutativa che certificativa delle Aziende ospitanti l’esperienza.
Poi ci sarà la definizione delle modalità di valutazione più prettamente ‘scolastica’ definita dal CdC che la Rete definirà e condividerà, che tenga presente, ovviamente, la parte del percorso svolta in aula e le competenze ‘trasversali’, ‘ di cittadinanza’ la cui valutazione dovrà avere un peso importante soprattutto ai fini dell’ammissione all’Esame di Stato.
I risultati delle esperienze di alternanza scuola lavoro sono valutate in diversi modi dalle scuole; esistono però modalità strutturate e strumenti predisposti dalle singole scuole che possono essere condivisi dalla Rete e utilizzati, adattandoli al percorso: prove esperte, schede di osservazione, diari dello studente in alternanza che prevedano anche percorsi di autoanalisi ed autovalutazione.
In conclusione, l’esito di un percorso di ASL si misurerà su una valutazione che presenti aspetti:

  • diagnostici (qual era lo stato iniziale delle conoscenze e abilità degli studenti?);
  • formativi (il percorso ha fornito agli studenti informazioni sui propri punti di forza e debolezza? ha fornito alla scuola i dati necessari per assumere decisioni didattiche adeguate ai bisogni manifestati?);
  • sommativi (qual è il bilancio dell’esperienza? come vi ha reagito il territorio di appartenenza dell’istituto);
  • prognostici (quali previsioni ne possiamo trarre per il futuro?);
  • orientativi (quali informazioni fornire agli studenti per il loro futuro?)

Documenti:

–> Vai alla Pagina dei Materiali

Archivi

I materiali delle Reti dell’ASL

  • Nessuna categoria